martedì 29 ottobre 2013

Ruby Sparks o il moderno Prometeo

Voi lo sapete quanto io sia spietata e iperselettiva riguardo ai film banali. Quando si parla di storie d'amore, poi.
Ma sotto sotto ho il cuore tenero, e quando trovo un film che vince la mia prevenzione iniziale, mi sciolgo come un cioccolatino!

Ruby Sparks l'ho visto ieri sera, come al solito sul divano, racchiusa tra quelle quattro mura di casa, che, di film belli, ne hanno visti tanti.

È la storia di uno scrittore un po' sociopatico, Calvin, in cerca dell'idea geniale che permetta al suo secondo libro di aver altrettanto successo del primo. Ispirato da un sogno, scrive di una ragazza, Ruby Sparks, appunto, e della sua storia d'amore tra lei e un altro ragazzo, che si chiama, non a caso, Calvin.
Il nostro caro scrittore complessato comincia a scrivere, scrivere, scrivere. Al suo psicologo racconta "mi sa che mi sto innamorando di questa ragazza... ed è solo un prodotto della mia immaginazione!"



lunedì 28 ottobre 2013

Musical Monday: Holes To Heaven

Stamattina condivido con voi una di quelle perle che mi hanno dato la carica tante volte: Holes to Heaven di Jack Johnson. Ormai ho perso il conto di quante volte questa canzone mi abbia dato il buongiorno, in riproduzione con le casse sciagurate dell'iPhone, mentre mi ricopro di larghi maglioni e saltello su me stessa per entrare nei jeans, prima di andare a scuola.
Inutile dirlo, mi mette sempre di buon umore.

Ah, e chiedo venia per il video un po' "approssimativo", ma come si dice in terra toscana, "o questo o chiodi!".



The air was more than human and
The heat was more than hungry and
The cars were square and spitting diesel fumes


The bulls were running wild
Because they're big and mean and sacred and
The children were playing cricket with no shoes


The next morning we woke up, man
With a seven hour drive
There we were stuck in Port Blaire
Where boats break and children stare
There were so many fewer questions
When stars were still just the holes to Heaven

And there were so many fewer questions
When stars were still just the holes to Heaven


Disembarking from the port
With no mistakes of any sort
Moving south the engine running smooth


Officials were quite friendly
Once we drowned them with our sweet talk
We bribed them with our cigarettes and booze


The next morning we woke up
With the sunrise to the right
Moving back north to Port Blaire
Where boats break and children stare


There were so many fewer questions
When stars were still just the holes to Heaven
Yes and there were so many fewer questions
When stars were still just the holes to Heaven

Eh sì, perché è proprio vero che c'erano molte meno domande quando le stelle erano solo "porte per il paradiso".
La canzone racconta di due (?) ragazzi, che, stanchi dell'atmosfera stressante e sovraffollata delle grandi città, fuggono lontano, in campagna, dove i bambini giocano a cricket senza scarpe e i tori corrono selvaggi.
E sai che? Quasi quasi arrivano a dire che si stava molto meglio quando la vita era molto più semplice.

Love it.



Follow on Bloglovin

domenica 27 ottobre 2013

Lazy Sunday #4

Doveva essere una domenica d'arte.

E invece...



Ti è piaciuto questo post e vuoi supportarmi?
 Seguimi su Bloglovin' per non perdere nessun aggiornamento!

Follow on Bloglovin


martedì 22 ottobre 2013

Instadiary #4

Anche quest'anno la scuola ha finito per mangiare buona parte del mio ossigeno, e del mio tempo libero.
Come testimonia il mio feed di instagram, la mia vita ultimamente si riduce a esercizi di matematica e letteratura italiana.

Come direbbe il mio caro amico Giacomino, "Studio matto e disperatissimo".

Prepararsi al compito di matematica non è mai stato così dolce... e nemmeno mandare a quel paese la dieta! :)

Quando si dice "deformazioni professionali"...

Finalmente siamo arrivati all'Impressionismo: studiare storia dell'arte è sempre meno "studiare"!

Nuovo passatempo: fare zapping tra i libri di poesia.

E poi, finalmente, tra un libro e l'altro, fa capolino qualche (raro) momento di svago:

Al cinema: vuoi proprio sapere cosa ne penso del film?

Aspettando il treno alla stazione (deserta) di certaldo... visione da Day After!

Follow on Bloglovin

lunedì 21 ottobre 2013

Cattivissimo Me... Due

Mi scuso per (l'ennesimo) periodo offline, sembra che la scuola mi abbia divorato ancora una volta.
In realtà, tra una studiata e l'altra la scorsa settimana ho persino trovato il tempo di andare al cinema: la bimba di tre anni che è in me doveva assolutamente andare a vedere Cattivissimo me 2.

Ecco, allora, premettiamo che mi era piaciuto troppo il primo film perché questo non sfigurasse in ogni caso; premettiamo che quando l'ho visto era una serata particolare e che questo possa avere modificato alquanto la mia percezione del film in sé; premettiamo che, si sa, i sequel non sono mai brillanti quanto le opere prime, ma...

Che delusione! 
Gru, il protagonista maschile, non è più cattivo, e i Minions, oggetto dell'attenzione e adorazione popolare, sono stati sfruttati, eccessivamente direi, ai fini narrativi della vicenda. Perché va bene, tutti amiamo quegli stupidi "cosini" gialli, ma ricordiamoci quali sono i veri protagonisti.

La storia mi è sembrata troppo banale, anche per un film d'animazione "per bambini": oppure sarà che in questo periodo le storie d'amore proprio non le sopporto.
Ma parliamo delle gag.
Vogliamo per caso paragonare quella sottospecie di battute al "Niente rumori molesti" del primo film, o all'immagine del "cattivone" che mentre espone il suo piano malefico al capo dei cattivi vede far capolino tra gli appunti un disegno di lui sul water fatto dalle tre bambine?


lunedì 7 ottobre 2013

Musical Monday: Still Ill

Dato che ultimamente il mio unico passatempo sembra essere quello di creare nuovi labels, dopo i Lazy Sundays arrivano anche i Musical Mondays. 
Ovvero, una valida alternativa alla depressione da lunedì! :) 
Il Musical Monday è infatti il nostro nuovo appuntamento settimanale: ogni lunedì, una canzone. 
Scelta in base a cosa? In base al testo. Eh sì bimbi belli, perché ormai in quest'era di inglish songs i testi cadono un po' troppo spesso nel dimenticatoio. 
Quindi orsù, bando alle ciance, oggi vi regalo una perla di quello che penso proprio sia sulla buona strada per diventare il mio nuovo gruppo-fissazione: i The Smiths.

La voilà, mesdames et messieurs, Still Ill.



domenica 6 ottobre 2013

Lazy Sunday #3

Ma che bella questa prima domenica pomeriggio di freddo sole autunnale. 
Rispolvero una giacca dei roaring 80's, le mie scarpe stringate, tiro su i miei capelli da leonessa ed esco in quest'aria frizzantina.

Riprendiamoci i nostri tempi lenti.



Ti è piaciuto questo post e vuoi supportarmi?
 Seguimi su Bloglovin' per non perdere nessun aggiornamento!

venerdì 4 ottobre 2013

È giunto ormai il momento

Di prendere la patente.
C'è chi boccia e riboccia, chi se la prende comoda, chi fa di tutto per non studiare e al momento dell'esame si affida alla sorte.

E poi ci sono io.

Che me la sono presa mediamente comoda, che ho mediamente poca voglia di studiare, che ricorrerò mediamente agli scongiuri e riti propiziatori.

Prossimamente su questi schermi: Risultato del test di teoria  trionfo o tragedia?

La data d'esame, come da superstizione, non si dice. Riti propiziatori: atto primo.


Ti è piaciuto questo post e vuoi supportarmi?
 Seguimi su Bloglovin' per non perdere nessun aggiornamento!

Follow on Bloglovin


martedì 1 ottobre 2013

Gattaca – ovvero, Homo faber fortunae suae

Dopo più di una -noiosa- settimana di silenzio, rieccomi finalmente qua.
L'unica cosa veramente interessante che mi è capitata durante questi Lazy Mondays, Tuesdays e così via, è stata vedere Django Unchained, film su cui mi sembrava un po' fuori luogo scrivere, dato che è uscito l'anno scorso. Non sarebbe stato un po' come arrivare dopo la banda? Scrivere di film "vintage" sì, ma del film che fa tanto "moda dell'anno scorso", anche no.

Infatti, ho finalmente trovato qualcosa su cui posare il mio occhio da ignorante sapientona.

Oggi vi parlo di Gattaca  la porta dell'Universo: dopo mesi e mesi che mi ripetevo di vederlo, mi sono infatti finalmente decisa a fare il grande passo.