sabato 5 gennaio 2013

The Dreamers



Eeeeh noi figoni nati negli anni Cinquanta!
...Anche io!

O meglio, vorrei.
Semplicemente perché, se fossi nata negli anni Cinquanta (forse un pochino prima, magari) nel 68 avrei avuto l'età giusta.

Perché? Perché ho visto un film... anzi, IL film.
C'è tutto. Cinema, amore, sesso, politica, humor, hipsters... anche le tette, se per caso passasse di qui qualche uomo con l'ormone impazzito.

Parlo di... The Dreamers.





 "Ero diventato membro di quella che in quei giorni era una specie di massoneria, la massoneria dei cinefili, quelli che chiamavamo malati di cinema. Io ero uno degli insaziabili, uno di quelli che si siedono vicinissimi allo schermo. Perché ci mettevamo così vicini? Forse era perché volevamo ricevere le immagini per primi, quando erano ancora nuove, ancora fresche, prima che sfuggissero verso il fondo, scavalcando fila dopo fila, spettatore dopo spettatore, finché, sfinite, ormai usate, grandi come un francobollo non fossero ritornate nella cabina di proiezione."
E questa perla il caro Bertolucci ce la mette così, all'inizio. Subito dopo i titoli di testa con i nomi che fanno capolino tra i bracci di ferro della Torre Eiffel. E Te la spara lì, la frecciatina. Il colpo al cuore.

LA MASSONERIA DEI CINEFILI. Pensavo giusto l'altro giorno se cambiare o no titolo al blog... magari lo chiamo così. Fa un po' Mafia, però.

Ma perché non ero giovane in quel periodo? Mi ci vedo troppissimo a fare la finta incatenata alle porte della Cinématheque abbordando un bel biondo americano col mio fare da femme fatale.
Vorrei essere Eva Green. Anzi, vorrei essere Isabelle. Proprio il personaggio. Sensibile, raffinata, sfuggevole, infantile, colta. Che fa gli indovinelli impossibili al fratello BASATI SU FILM CULT (io non farei penitenze però, non fraintendetemi!).


Alla fine, credo che la cosa che maggiormente mi ha conquistata, in questo fantastico favoloso film, è stato il suo affresco storico di una generazione (che poi credo sia la cosa che passa più in secondo piano, oibò), di un momento in cui più sai e più sei figo, in cui il tenebroso cinefilo con sigaretta in bocca e Rayban scuri si trova a tutti gli usci, e non è una perla rara.
Un periodo in cui se leggi un libro o citi un film un po' cult non vieni guardato "come quello strano".

Io PROTESTO! Dove sono i Cineforum? Le discussioni? Le citazioni? Ridatemele! O meglio, datene un po' anche a me! UÉ!



Ah, ma magari voi volevate sapere del film? Per la trama, vi rimando alla Bibbia.


Le immagini che uso in questa rubrica non mi appartengono, a meno che non sia diversamente indicato. Non voglio appropiarmi del lavoro di nessuno, per qualsiasi problema non esitate a contattarmi :)

10 commenti:

  1. So che è un film cult, ma non l'ho mai visto... E io sono un'amante del cinema, corro a cercarlo su internet :) mi ha fatto molto piacere leggere che sei d'accordo con me sul contest di Grazia :) ti seguo con piacere, ricambia se vuoi :) xoxo Mina.
    My blog: The Style Fever

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao cara! Beh, se ti piace il cinema non può non piacerti The Dreamers! Comunque ti seguo già su bloglovin! ora aggiungo subito anche GFC :)

      Elimina
  2. io l'ho visto quando ero uscito perchè la mia prof delle superiori me l'avevo definito un capolavoro...sono rimasta molto perplessa pensando che la mia timidissima e pacifica prof di italiano potesse aver far fatto tutto quello che si vede nel film...che paura!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. La vita segreta della prof... LOL! :)

      Elimina
  3. interesting! would you like to follow each other? let me know!

    RispondiElimina
  4. Adoro quel film !!!!

    Vieni a vedere il mio nuovo POST
    EIDESIGN GLAMOUR

    RispondiElimina
  5. Il tuo blog sembra avere dei contenuti davvero interessanti..cinema,musica che appassionano anche me.
    Ti seguo con GFC e ti aspetto su Dressing&Toppings!!
    In più..Nuovo Giveaway!
    bacetto
    mel*

    http://dressingandtoppings.blogspot.it/2013/01/dressing-giveaway-ft-alexart.html

    RispondiElimina
  6. ti consiglio di vedere "c'è qualcosa nell'aria" di Assayas. Stesso tema ma più bello

    RispondiElimina