sabato 1 dicembre 2012

You better run, better run, faster than my bullet!




All the other kids with the pumped up kicks

You better run, better run, outrun my gun

All the other kids with the pumped up kicks, 
You better run, better run, faster than my bullet.

Ieri sera sono andata a correre per la prima volta in vita mia. Io, me stessa, me, e le mie cuffie.
Non fraintendetemi, non sono esattamente la tipa che ama stare a poltrire sul divano: al contrario, amo mantenermi in forma. Infatti gioco a basket da circa quattro anni. Solo che siccome c'è GRISI, la nostra società ha scelto di tagliare i viveri all'unica squadra che non solo è femminile, ma che non si schioda nemmeno dall'ultima posizione in classifica da circa... l'eternità.


Essendo quindi passata da fare tre allenamenti settimanali a semplicemente uno, e non avendo assolutamente intenzione di resistere al canto di sirena di dolci/formaggi/carboidrati, mi sono riproposta di fare qualcosa da sola, di tanto in tanto.

E infatti eccomi qua, con pantaloni della tuta, scarpe da jogging rubate a mia madre (non starà mica diventando un'abitudine?) felpa con cappuccio che non metto dai tredici anni, sciarpa con i teschi e per lo più il trucco. E che trucco.
Mi era rimasto addosso tutto un ambaradàn di fondotinta, blush, matita, rossetto e, surprise surprise, un belllissimo smookey eye (il primo decente della mia vita), superstite di una prova che avevo fatto subito dopo pranzo.

Insomma, ho fatto un sacco di strada: credevo che le mie gambe avrebbero ceduto molto, molto prima. E invece no, correvo saltellando e scodinzolando in mezzo al traffico della sera - guai ad avventurarsi sull'argine dell'Arno, sia mai che da un cespuglio fosse saltato fuori qualche ipotetico drogato stupratore. 

Insomma, l'unica asociale che in pieno inverno, e per lo più in un giorno di festa -era la festa della Toscana- non esce con nessuno e affronta il freddo e il gelo per fare footing, sono io.

Andiamo bene!

6 commenti:

  1. Amavo correre sulla spiaggia, molti anni fa... All'imbrunire iniziavo a dirigermi dal lido verso la spiaggia deserta... Io, il mare, il mio corpo... Sentire il vento e la natura. E poi facevo una cosa... Che ho fatto quest'ANNO dopo tanto: facevo dei passi di danza in riva e il mio piede faceva dei disegni a terra che il mare cancellava... Bellissimo, emozioni private, ma che bello condividerle!

    XoXo

    New Post-> http://www.modidimoda-mapi.blogspot.it/2012/11/quando-labito-sta-stretto.html

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Wow, che bell'immagine! Hai fatto bene a condividerla, grazie mille davvero! :)

      Elimina
  2. Anche io voglio andare a correre! Deve essere una bella sensazione di libertà!
    Kiss

    Sto partecipando ad un contest indetto da Grazia.it, vota per me cliccando qui! Si può dare un voto ogni giorno :)

    My blog!!

    RispondiElimina
  3. Ma che brava! Io amo fare trekking, bici, nuoto, tutti sport di resistenza, ma non mi piace correre! Probabilmente perché a scuola ci hanno troppo fatto correre sotto la pioggia. In Francia, si educa i ragazzi e le ragazze nell'ottica di farne "dei duri". Beh mi ha fatto soprattutto odiare correre.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Almeno fanno uscire i ragazzi da quelle palestre polverose... ci sono anche dei lati positivi, dai :)

      Elimina
  4. what a sweet entry, love the song <3

    want to follow each other? i will defiently follow back

    my blog:
    http://thebizarrebirdcage.blogspot.de/

    RispondiElimina