giovedì 1 novembre 2012

Caroline, ops, Coraline

Una volta aperti gli occhi e contrastato il sempre crescente mal di testa da nottata in discoteca, la noia-da-domenica-d'inverno è scesa in me.
Non sono abituata ad avere tempo troppo libero, e sebbene sia una persona di natura pigra, detesto l'ozio. Quindi, per cercare di dare un senso a questo giorno, mi sono guardata un bel film.

Coraline me l'aveva prestato una mia amica circa due settimane fa, e da allora era rimasto lì solo soletto sulla mensola della libreria a prendere polvere insieme ad un cortometraggio di Charlie Chaplin, che per Nicole, la ragazza in questione, è "il più figo del branco". Un po' come è Thom Yorke per me, insomma.




Quindi, dicevamo: domenica noiosa, DVD d'emergenza.

Coraline è un film del mio amato Tim Burton. Non ho avuto l'occasione di parlarne fino ad ora (o forse sì?), ma io AMO Tim Burton. Amo i film, i disegni, i cortometraggi - l'avete visto questo, a proposito?
Insomma, è un po' un mio "più figo del branco" in seconda. O in ex aequo.

E lo sconosciutissimo film dall'aria più bambinesca del solito non è di certo al di sotto della media di quel genio vivente. Se già i ben più famosi The Nightmare Before Christmas e La Sposa cadavere, ugualmente girati in stop motion, mi avevano emozionato, Coraline mi ha definitivamente conquistata. È un thriller sotto mentite spoglie, questo film. Sotto la veste di fiaba, piena di trine e merletti e facce paffute, bambole e toni caldi, si nasconde quasi un horror, pieno di desolazione, incubi, trappole e mostri. Ora, io potrei esser facilmente impressionabile, avendo una vera e propria fobia per i Nazgul de Il Signore degli Anelli che mi porto dietro ormai dalla fanciullezza, ma questa doppia "identità" mi ha davvero sorpresa.


La storia, detta molto a grandi linee, racconta di una bambina, Coraline, che si trasferisce con i suoi genitori in una specie di condominio interamente dipinto di rosa cipria e nel bel mezzo della desolazione e del nulla più assoluto, tra un ginnasta russo col pallino per il circo dei topi e due vecchie dive di Hollywood che vivono in compagnia di un numero spropositato di barboncini e che trascorrono il tempo bevendo tè e litigando tra loro. Il tempo per Coraline scorre lento, tra noia e solitudine, circondata da persone a lei sgradevoli che continuano a sbagliare il suo nome, genitori troppo occupati nella scrittura di manuali di giardinaggio e un ragazzino logorroico e pedante che continua a seguirla.
Ma è proprio quando quest'ultimo le regala una bambola perfettamente somigliante a lei, con tanto di capelli blu, impermeabile e stivali da pioggia giallo canarino, che tutto cambia: se in meglio o in peggio dipende dai punti di vista, ma sicuramente si tratta dell'inizio di una grande avventura per la nostra cara Caroline, ops, Coraline.




Coraline insegna che non è tutto oro quel che luccica, che le apparenze spesso ingannano e che la soluzione migliore alla fine è quella di affrontare i propri problemi, e non di fuggire in un mondo fantastico, che magari poi così fantastico non è.
Decisamente un bel film, ribadisco. Se lo avete visto, o lo vedrete prossimamente, lasciate un commento con opinioni e pareri!

Stay Tuned!


Le immagini che uso in questo post non mi appartengono, a meno che non sia diversamente indicato. Non voglio appropiarmi del lavoro di nessuno, per qualsiasi problema non esitate a contattarmi :)

4 commenti:

  1. Coraline è proprio un film da vedere i una giornata fredda e nuvolosa con una bella tazza di thè (Olong o gelsomino, fai te).
    Concordo sul fatto che sia quasi un horror, io lo definirei un horror "per bambini" (mio fratello l'ha visto a 10 anni, e per due notti ha avuto incubi,tanto per sapere).
    Adesso tocca "al più figo del gruppo" :))

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ma quale per bambini? Manca poco terrorizza anche me! ;)
      Per Charlie mi occorre calma e tranquillità! Appena ho un po' di tempo libero me lo gusto con calma :)

      Elimina
  2. Stupendo Coraline, è il primo film che ho visto in 3D al cinema e da subito ho pensato che non fosse per nulla da bambini! Pensa che per halloween mi sono vestita proprio da Coraline, avevo messo anche un tutorial sul blog :)! Ti seguo!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. No, non lo è per niente! Carinissima l'idea del travestimento per Halloween!
      Grazie per il follow <3

      Elimina