giovedì 13 settembre 2012

Hello, my name is... Oly

Breaking news: è (finalmente) arrivata la mia nuova macchina fotografica! È una Olympus, e, sorpresa sorpresa, solo una mirrorless.

Ciononostante, fa delle foto che... sbav! Garantisce ottimi risultati anche con luce scarsissima: le foto vengono molto ben definite, anche se scattate a mano libera. Sono davvero davvero soddisfatta, anzi, innamorata!





Naturlamente, come tutte le cose a cui tengo di più, ho dovuto aspettare e aspettare per averla:non solo ho dovuto risparmiare un sacco per potermela permettere, ma una volta raggiunta la somma ho dovuto aspettare lunghi mesi prima di riuscire a metterci le mani sopra!
Lasciate che vi spieghi.

Avevo seriamente deciso di acquistare una reflex dall'ottobre-novembre scorso circa, giustificata dal fatto che fossero ormai passati anni da quando ho cominciato ad appassionarmi alla fotografia. Cominciai quindi a radunare risparmi su risparmi, e, grazie a vecchi regali di compleanno e a quelli che vennero, poi, per Natale, verso gennaio cominciai ad avere tra le mani una somma niente male. Perciò inizia a guardarmi intorno.
La macchina fotografica di cui ero in cerca non era esattamente facile da trovare: volevo qualcosa di molto professionale, che mi desse l'opportunità di affinare di molto le mie doti da fotografa, senza dover cambiare apparecchio ogni due anni perchè ormai mi andava "stretto"; al contempo, però, essendomi sempre considerata una fotografa che non esce di casa appositamente per fotografare, ma a cui piace cogliere l'attimo, avevo bisogno di un apparecchio versatile, piccolo e possibilmente leggero da mettere in borsa senza stare a pensarci troppo.
Ecco, mi sembrava di aver chiesto la Luna.
Probabilmente l'avevo chiesta davvero, perchè la macchina fotografica per me, evidentemente, non era ancora uscita.
Venni a conoscenza della sua esistenza grazie a mio padre, che una sera, davanti alla televisione, biascicò qualcosa a proposito di "quella nuova dell'Olympus".
Fatto sta che, appena mi mostrò delle foto, fu amore.
Cominciai a leggere recensioni su recensioni, e ne parlavano tutti come di una grande macchina fotografica.
Unica pecca: non sarebbe uscita che ad aprile! Dopo aver fatto un check al negozio di elettronica per averne la conferma, misi il cuore in pace e mi rassegnai ad aspettare fino a primavera.
Quando finalmente la tanto attesa data arrivò, saltai come una molla e corsi al negozio di elettronica: fu da quel momento che cominciò la tragedia greca, e che vidi la durata della mia attesa cominciare ad allungarsi a dismisura.

Dovevo averla ad Aprile.
Siamo a Settembre.
Quanti mesi sono passati? Ho anche perso il conto! Volevo almeno riuscire a portarla in vacanza, ma ho mio malgrado dovuto abbandonare il progetto.

È arrivata precisamente per la fine di queste: qualche giorno dopo il mio ritorno da Parigi. Non me ne sono curata più di tanto, dopo tutto questo tempo mi sembravo tornata bambina la mattina di Natale!

Ora io e la OM-D, Oly per gli amici, siamo in fase di conoscenza: in parole povere, giochiamo sempre insieme al chissà-a-cosa-serve-questo-tasto.
Nonostante abbia problemi col macro, per il resto va tutto che è una meraviglia!


Oly a cena fuori (era praticamente BUIO!)



Oly al tramonto


Avete presente le mattinate d'ozio tipiche delle vacanze estive? Ecco, le mie producono... questo. Boh.


Oly e i filtri creativi preimpostati: dire che li adoro è dire poco!



1 commento: