martedì 28 giugno 2011

Mole... che?

La Moleskine è uno dei tanti quadernetti che ho accumulato nel corso del tempo. Prevedibile e naturale, se si considera che io ero l'unica bambina che non impazziva per le Barbie, ma per i quadernini e le pennine.
Non so mai che scriverci, però. Parto sempre dal presupposto che dato che ci prendevano appunti tanti bravi scrittori e blablabla, allora anche io ci debba scrivere le mie peggio menate intellettualoidi varie.
E invece - tipico di me che mi do ordini - ci faccio disegnini e scarabocchi.
"Sfoghi il tuo talento artistico, la tua vena repressa da disegnatrice!"
E invece NO, perché, diciamocelo, io a disegnare... non sono proprio il massimo. 

Nel corso del tempo ho accumulato: APPUNTI (almeno quelli ci sono) presi durante varie gite e spiegazioni, ELENCHI di cavolate su cavolate sparate durante le vacanze, lo SCHEMA di un sogno che mi ero riproposta di trasformare in un racconto (mai scritto), un DIARIO di viaggio che sono riuscita a mantenere solo per un giorno (ma neanche), CITAZIONI di canzoni rimaste in testa, DEDICHE di amiche che mi vogliono bene e un petalo di rosa rossa.

E poi? Poi c'è il bianco. Tante belle pagine ancora tutte da vivere, ehm, scarabocchiare.

Nessun commento:

Posta un commento