mercoledì 28 dicembre 2011

Under Cover of Darkness

Natale passato in stato pseudo vegetativo, crogiolandomi tra cibo e nullafacenza e altro cibo, voglia di dormire e stomaco pesante.
Come da programma, Babbo Natale non mi ha portato la Reflex, ma mi ha regalato tanti tanti soldini, e... un iPhone.
Ora, io ho reagito con un "MASIETEIMPAZZITICOSAVISALTAINTESTA?!", però...
Io.
L'iPhone.
Che storia d'amore.

...Finchè Android non ci separi.

Però ora sorge un dubbio. Quale Cover ci metto? Dramma.
Grande dramma.
Enorme dramma.

Suggerimenti?







Aiuto :S

giovedì 22 dicembre 2011

Buon Natale e tutto il resto

Sono sempre stata una grande amante del Natale.
Ai bei tempi in cui ero ancora abbastanza bambina da fare il conto alla rovescia sul diario di scuola, poi, per me era il massimo.
Amavo il tour de force di pranzi-cene-scambi di regali che mai userai ma che a colpo d'occhio sembrano carinistupendifavolosi.
E mi piace ancora eh, per carità.

Però, non lo so... ora manca qualcosa.

Ora c'è la lista di regali da fare che incombe; sabato è la Vigilia e io ho ancora un botto di acquisti da fare, troppi pochi soldi da spendere e ancora meno da risparmiare per la reflex (ho parlato giusto ieri sera con Babbo Natale di questa cosa e mi ha detto che me la devo comprare col Sudore della Fronte, quindi comincia immediatamente la politica Stretto Risparmio).

Insomma, che stress.

Però da oggi alle ore 13 sono ufficialmente in vacanza, quindi una lista di Buoni Propositi rigorosamente da infrangere ci sta tutta.
  1. Cercherò, almeno per quest'anno, di non strafogarmi di Panettone; anche se ormai la nostra storia d'amore va avanti da un bel po', è il momento per il signorino di imparare ad affrontare la dura verità di essere mollato dalla sua beneamata (me).
  2. Prometto di impegnarmi per ricominciare a leggere per piacere: è da un paio di mesi che ho abbandonato la lettura di romanzi, cosa che non era mai successa da quando ne ho avute le capacità. Urge dunque rimediare.
  3. Lo Studio. Oh, questo è il pezzo forte, ragazzi. Vorrei tanto riuscire a prepararmi, sia psicologicamente che effettivamente, al susseguirsi incessante di compiti e interrogazioni che comincerà dal giorno stesso in cui rimetterò piede in quella cigolante struttura che è poi il mio Liceo. Ragazzi, se guardo il mio diario mi verrebbe voglia di trasferimi in Alaska e cominciare a fare L'Eschimese. Giuro.
Quindi in conclusione, con tutte queste inutili chiacchiere volevo in realtà augurarvi e raccomandarvi di non arrivare troppo stressati al Natale, che è un momento da passare in tranquillità, serenità e allegria.
Anche se poi siete in Emergenza Regali.
E anche se, come me, siete a stretto risparmio per comprarvi una macchina fotografica o cosa volete voi.
E perfino se il pesce rosso è morto e il gatto ne sente la mancanza.

Insomma, mantenete la calma, tutto si risolverà assolutamente da solo e passerete un Natale coi fiocchi!



Ah.. ultima cosa.

VI PREGO, NON ANDATE A VEDERE I CINEPANETTONI!
Fatelo per me... per favore.
Confidando nel vostro buon senso, vi invito a lasciare un commento per infamare collettivamente queste offese al Grande Cinema.

Aspetto fiduciosa.

venerdì 9 dicembre 2011

I Hate Love



In questo periodo mi vanno proprio tutte male.
Reagiamo da immature: spariamo a zero su tutto e tutti. Devo ammettere che c'è un certo gusto, però.

Amore. Parola inventata dai poeti per far rima con cuore.
Ambrose Bierce

Tutti affermano che l'amore è importante, eppure siamo bombardati da ogni parte dall'evidenza del suo fallimento.
Bell Hooks


Amore: solo un'altra parola per porcherie.

Bertolt Brecht



L'amore è un'acqua nel buco e termina necessariamente in un buco nell'acqua.
Guido Ceronetti


L'amore. Fuoco e fiamme per un anno, cenere per trenta.
Giuseppe Tomasi di Lampedusa 



L'amore non è che una brutta cosa con un bel nome.

Jerome Klapka Jerome

Tutte le passioni ci fanno commettere degli errori, ma i più ridicoli ce li fa commettere l'amore.
François de La Rochefoucauld




...adieu. Vado a cercare film sull'odio e su quanto sia bello vivere senza amore.

...se esistono.


lunedì 5 dicembre 2011

Space News

Salve, vulcaniani!


Ultimamente purtroppo la mia astronave (pc) ha riscontrato grandi problemi di funzionamento e il Capitano (padre) ha deciso di portarla all'Officina (ovvero il suo ufficio, terra di mirabolanti avvenimenti non ben definiti) per sostituirla con una nuova fiammante. Purtroppo, questa volta, non mi ha fornito alcuna Astronave di Cortesia come aveva invece fatto l'altra volta (vedi Odioso Portatile).
La suddetta, oggetto delle mie brame e desideri più animaleschi, è arrivata ieri sera: piccola piccola, nera e compatta, rientra precisa precisa dietro il monitor.
L'unico problema è che il Capitano, purtroppo, si è scordato (oppure non ha voluto, ancora peggio) ripristinare l'antica Memoria di Bordo, con conseguente perdita di musica, foto, racconti eccetera. Dai miei insulti feroci si è difeso dicendo "la porterò, la porterò". Sarà meglio per lui, ribatto io.

Ma ditemi, Vulcaniani, quale ignobile pena merito per non avervi portato mie notizie così a lungo? Esilio? Fustigazione? Ghigliottina?
Supplicando umilmente per la vostra pietà, cercherò di ingentilire i vostri animi narrandovi delle Missioni da me svolte in questi bui anni luce.

Tanto per cominciare, vi avevo abbandonato parlandovi dell'Impresa. Bene, amici, questo compito assai arduo è stato terminato in maniera eccellente: OTTO volte sono stata ricompensata, e calcolata l'osticità e odiosità della materia in questione, beh, direi che mi fa proprio piacere!

Altra notizia degna di nota è il fatto che ora tutti quanti mi chiamino X Factor.
Vulcaniani, voi che mi leggevate da prima del Grande Buio sapete benissimo che non sono quel genere di elemento che si diletta con programmi di bassa lega quali X Factor. Indi, quando molti tra i Coetanei sono venuti da me dicendomi "Ehi ehi a X Factor c'è una che ti somiglia tantiiiiissimooo!", oppure "Ma sei stata a X Factor?", potrete capire benissimo il mio sbigottimento e il mio stupore. Perciò, spinta da una quasi innaturale curiosità, mi sono decisa a chiedere ai Coetanei chi fosse questa tipa mai vista.
Ed eccola qua.



É lei infatti la sosia, la goccia d'acqua, la fotocopia sputata che mi ha lasciato per mezz'ora con la bocca aperta.
(per chi non avesse ancora avuto la sfortuna di vedere la mia faccia da perenne sopravvissuta ad un attentato... enjoy).
Ditemi, sono o non sono pressoché uguale? (okay, non mi smontate con un "NO", perché specialmente nella seconda foto siamo esattamente le stesse, quindi silence!).

Nell'aggiornarvi, non posso non dire dell'emozionante Missione Coldplay.
Dopo l'uscita del nuovo album che, ahimè, per alcune tracce è abbastanza discutibile, io e alcuni altri Membri dell'equipaggio Famiglia abbiamo deciso di andare a sentirli Live a Milano. Comincia quindi la caccia ai biglietti! Fateci gli auguri, ne avremo bisogno. Ah, e... occhi aperti!

Ultima notizia, di più marginale importanza, se vogliamo, è che mi sono iscritta a We Heart It.
Un consiglio spassionato? NON ISCRIVETEVI MAI MAI MAI MAI MAI PER NESSUNA RAGIONE AL MONDO!
Questo coso crea dipendenza, non sto scherzando: mi ritrovo ad aggiornare la pagina trenta volte al minuto, mi lascio bombardare da immagini di ragazze belle con vestiti belli con scarpe belle con migliaia di ninnoli che se me li mettessi io sembrerei un albero di Natale, mi lascio distrarre da citazioni di film famosi e da frasi che sono il luogo comune della banalità, mi inebrio di disegni fatti troppo bene.
Insomma, è una cosa fantastica.

Vulcaniani, mi affido alla vostra civiltà e attendo una sentenza di grazia, o la condanna più feroce. Per sempre vostra, Rosa.

domenica 13 novembre 2011

La Studentessa che fece l'Impresa

Ormai non posso più rimandare... il momento è giunto.
Il Libro di Storia se ne sta lì, fermo immobile, scrutandomi con la sua espressione indecifrabile, complicata, difficile; forse un po' mi sta minacciando, con quella sua copertina rosino cipria\ grigino-bluette con un Uno che torreggia su un quadro medievale di una città\castello.
E io so benissimo che ormai il Tempo degli Ozi è finito, e che devo compiere l'Impresa.
Costerà lacrime e sangue; ore intere che potrei passare in attività meno Culturalmente Arricchenti ma assai più interessanti, come per esempio darmi lo smalto alle unghie oppure uscire con le amiche.
E invece non posso.

E sapete perché?

Perché sono una studentessa decisamente poco furba. E poco organizzata.
Ma perché non ho studiato volta volta invece di lasciare che le pagine si accumulassero e che mi travolgessero da ultimo con Effetto Valanga?


Fatemi buona fortuna, ragazzi: è arrivato per me il momento di travestirmi da Impavido Cavaliere e di andare ad affrontare il Drago in sella al mio Nobile Destriero.

Mettetemici un Principesso da liberare, e sono a posto.

Tumblr_lkgu5oddoq1qic7uio1_500_large

mercoledì 9 novembre 2011

Cose che mi spaventano

Ieri sera ero in preda ad un attacco di sonno potentissimo: è da qualche giorno che dormo veramente poco (ne conseguono occhiaie pazzesche, sembro uno zombie). Puntualmente ogni sera mi guardo negli occhi e mi dico Rosa, stasera A LETTO PRESTO.

Come al solito, ieri sera non ci sono riuscita.

Finita la cena, mi sono accasciata sul divano nel disperato tentativo di rilassarmi un secondino prima di andare a fare i compiti di Spagnolo (che un secondo dopo sono caduti in pieno dimenticatoio), quando i miei si sintonizzano su un canale di cinema e cominciano a guardare un film.
Naturalmente lo guardo anche io, dall'inizio dalla fine, nonostante avessi gli occhi che imploravano pietà, una stanchezza addosso devastante e, ultimi ma non ultimi, i compiti di spagnolo da fare.

Non l'avessi mai visto.

Il film si chiamava Trust, e vi sconsiglio assolutissimamente di guardarlo (o ve lo consiglio, non lo so).
Ecco, non è mia abitudine parlare molto delle trame dei film, perchè odio quando ne parlano a me, ma per questo faccio un'eccezione.

Ecco, come dire... Trust parla di una ragazza di quattordici anni che viene prima adescata in una chat e poi stuprata da un trentenne che si spacciava per un ragazzo della sua età.

Io sono rimasta sconvolta. Anche spaventata. 
Insomma, al posto di questa figlioletta ci sarei potuta essere io! E la cosa mi spaventa e mi mette in guardia allo stesso tempo.

Per favore, ditemi che queste cose non succedono davvero! Fatemi continuare a vivere nel mio bel mondo di favole e coniglietti saltellanti! Se poi penso che l'attrice somiglia in modo impressionante a una mia amica...


Insomma, non guardatelo mai. Oppure guardatevelo, non lo so.
Per me è stata una cosa molto formativa, direi.

venerdì 21 ottobre 2011

Dormire Dormire Dormire

"Il letargo è un comportamento caratteristico di alcuni mammiferi e rettili che durante la stagione fredda riducono le proprie funzioni vitali e rimangono in stato di quiescenza. Durante questo periodo si nutrono di riserve di grasso immagazzinate durante i mesi autunnali. Fra gli animali che vanno in letargo ricordiamo gli orsi, i procioni, i gliridi, i pipistrelli, le tartarughe di terra del genere Testudo ed altri rettili.
Il ricovero degli animali che vanno in letargo si chiama generalmente tana." (Wikipedia docet)
Mamma, mamma mammina, ignoro cosa sia un Gliridae, ma posso farlo anche io per favore? Ti prego ti prego ti prego....

Tumblr_lbdghim4vb1qbi4myo1_500_large

giovedì 20 ottobre 2011

Buoni propositi o similaria

Improvvisa voglia di partire: zaino in spalla, macchina fotografica carica, e hop, hop, hop!
Improvvisa voglia di andare a Parigi, di fare una passeggiata nei giardini delle Tuileries e di baciarmi col ragazzo che non ho sotto la Tour Eiffel illuminata, di notte. E a proposito...
Improvvisa voglia di avere un ragazzo. Eh no, i segnali di fumo non funzionano.
Improvvisa voglia di passare un periodo più lungo di quindici miseri giorni fuori casa.
Improvvisa voglia di andare a studiare un anno all'estero (anche se ormai è troppo tardi per l'iscrizione, ahimè!).
Improvvisa voglia di imparare a cantare decentemente.
Improvvisa voglia di imparare a fare la giocoliera.
Improvvisa voglia di diventare una fotografa brava brava, ma per davvero.
Improvvisa voglia di parlare il francese con accento perfetto e fare quattro chiacchiere con una ragazza che viene dall'altra parte del mondo scordandomi che sto parlando una lingua che non è la mia.
Improvvisa voglia di fare più di dieci punti in una partita di basket, di vincere contro una squadra risaputamente più forte di noi per poi esultare con le altre perché "evviva, ce l'abbiamo fatta!"

....MA HO VOGLIA DI FARE TUTTO TRANNE CHE STUDIARE?

martedì 18 ottobre 2011

Guida Galattica per Autostoppisti

Guida Galattica per Autostoppisti è un film esageratamente demenziale, insensato, pseudofantascientifico, assurdo, strano, stupido, ma molto, moooooolto divertente.
Io personalmente l'ho visto con gli amici, ed è esattamente quello che vi consiglio di fare: non lo guardate da soli perchè vi precluderete più di metà del divertimento (Se non lo guardi con gli amici godi solo a metà! Cit. pubblicità delle Fonzies - o forse no?). E, un'altra cosa, assicuratevi che non siano amici cerebrolesi come la sottoscritta, e che siano in grado di ricordarsi il nome dei personaggi di un film senza essere costretti a prendere appunti (giuro che non l'ho mai fatto... ma purtroppo ci ho pensato).
Comunque, quando dico che è un film demenziale, intendo veramente demenziale. Dicono sia parecchio più brutto del libro, ma io il libro non l'ho letto e quindi il film m'è piaciuto una cifra. Magari sul libro ci faccio un pensierino quest'estate. Forse.

LA citazione (quella che se la dici tutti crederanno che tu abbia visto il film, facendoti così guadagnare una decina buona di punti):
"Pensiero profondo: La risposta alla domanda fondamentale sulla vita, l'universo e tutto quanto è... 42. Sì, ci ho pensato attentamente; è questa, 42. Certo sarebbe stato più semplice se avessi conosciuto la domanda.
Loonquawl: Ma era LA domanda, la domanda fondamentale di tutto quanto!
Pensiero profondo: Questa non è una domanda!
Solo quando conoscerete la domanda comprenderete la risposta."

E ora... vai cogli spezzoni!

"Addio, e grazie per tutto il pesce!"



"Che nessuno pensi!"

giovedì 6 ottobre 2011

Siate affamati. Siate folli.

Svegliarsi e venire a sapere della morte di Steve Jobs da mio padre al piano di sotto che me lo comunica come se mi stesse dicendo che la colazione è pronta fa un certo effetto. Povero Steve.





"Stay Hungry. Stay Foolish."

Che grande uomo.


martedì 4 ottobre 2011

Mettiamoci alla prova!

Ragazzi, ho preso una grande, enorme decisione.
Ho deciso di partecipare ad un concorso fotografico.
Questo concorso fotografico.
Che tra parentesi è superultrapieno di gente superultrabrava. E quando dico superultrabrava, intendo dire che guardando le loro foto mi sento un po' come una caccola alle prime armi.
Insomma, ero sul filo del rasoio tra la tentazione di deprimermi e di denigrarmi e quella di fregarmene altamente e di guardare qualcos'altro, quando ho pensato:"ma sai cosa, buttiamoci!"
Quindi, essendo ancora minorenne (ed essendo il concorso chiuso agli under 18), ho chiesto il permesso a mammà e mi sono registrata a suo nome.

Ora siamo a metà dell'opera, devo solo caricare le foto. Il problema è: quali?

Sono un tantino in crisi; ecco le mie proposte:









Odio questa sensazione: mi sento come se fossi una bimba nel bel mezzo di un divorzio e dovessi trovarmi a scegliere tra la mamma e il babbo. Sono tutte foto mie, mi piacciono tutte in egual misura! Sono orgogliosissima di tutte loro, ma se dovessi scegliere...
Anche in questa selezione per esempio: scorrendo il mio photostream mi sento subito in colpa per tutte le altre lasciate fuori... mi sembra che meritino anche loro!

Insomma, ce la farò a scegliere le tre fortunate o dovrò ricorrere alla sorte, secondo voi? Voi quale scegliereste?

domenica 2 ottobre 2011

Sunday Inspiration





Domenica. Sole. Allegria tranquillità QUIETE. Compiti da fare, anche, ma la scuola sembra lontana, in un altro mondo, in un altro universo.
Mangio gelato, ascolto musica. Apro la finestra per far entrare un po' d'aria fresca.

Guardo un film ignoto con gli amici su un portatile dallo schermo mignon.
Fosse sempre così...

giovedì 29 settembre 2011

Photo Sharing anglostatunitense: era l'ora!


Con un paio di mesetti di ritardo (solo?) sono riuscita a finire di riguardare-ritoccare-denigrare tutte le mie foto fatte durante l'estate.
Come al solito pubblico quelle che mi piacciono di più: purtroppo non sono foto "turistiche", quindi probabilmente non capirete una mazza dei posti in cui sono stata; sorry guys!
Sono poche se considerate che si parla di tre mesi, ma mettete in conto che ho attraversato un periodo in cui di fare foto non ne potevo proprio più, e quindi di alcune tappe nel mio viaggio negli USA non ho niente (purtroppo).
Quest'anno, ho concluso riguardando queste foto, sono stata attirata particolarmente dai riflessi. Palazzi che si specchiano l'uno nell'altro, pozzanghere... queste robette qua. Mi sono divertita un mondo, lo confesso ;P

Andiamo in ordine più o meno cronologico: ecco le foto fatte in Inghilterra (click per ingrandire).
Se vuoi sapere qualcosa del viaggio che ho fatto, leggi il post!

Questa è del primo giorno, appena arrivati: IL GRANDE FREDDO!

Una via di Oxford (pasticciata un po')

Questa mi pare sia stata scattata a Bristol

Questo è un dettaglio di un lampadario stupendo del museo del costume di Bath


Svegliarsi una mattina e trovarsi una mongolfiera sopra casa è stata veramente una cosa fantastica!



Stonehenge: la prima volta che mi sono sdraiata per terra per scattare una foto!

E ora andiamo al sodo: gli USA.

New York City:

Lampadario della Grand Central Station

Visione del Chrysler Building






"My vision of Racism": una delle mie prime concettualate

Brooklyn Bridge: in assoluto la mia prima silhouette


Questa guardatevela assolutamente ingrandita: così rende poco!

Washington DC

Come divertirsi (male) con una macchina fotografica







Orlando, Florida

Riflesso delle Air Boat, Everglades.

Want to see more photos? CLICK ME!